Bally

Bally

Bally

La storia di Bally prende il via da un gesto romantico. Nel 1850, mentre si trovava a Parigi per un viaggio d’affari, il produttore svizzero Carl Franz Bally si ricordò proprio all’ultimo che sua moglie gli aveva chiesto di portarle un paio di stivali di tendenza, ma lui si era completamente dimenticato di domandarle quale numero portasse. Si stupì nel vedere lo stock di magazzino di un calzaturificio composto da migliaia di paia di scarpe e stivali e si domandò se fosse possibile avviare una simile produzione in Svizzera. Decise di acquistare l’intera serie di numeri disponibili e Frau Bally si dimostrò particolarmente entusiasta di due paia di stivali della sua misura. Il resto fu messo in vendita da Carl Franz nel negozio della sua fabbrica, dove tutto fu rapidamente esaurito.

Intorno al 1870, Bally, che si era ormai affermata come una delle più importanti case produttrici di scarpe di lusso d'Europa, si aprì una nuova strada immettendo le sue eleganti calzature sul mercato internazionale. Sulla scia del successo ottenuto con l’esportazione dei suoi prodotti in Sud America e grazie all’incremento delle vendite, Carl Franz Bally decise di aprire alcuni negozi indipendenti. Montevideo e Buenos Aires seguirono l’apertura del primo negozio Bally avvenuta a Ginevra nel 1870. L’ingresso nel mercato britannico (e in quello dell’impero coloniale) un decennio più tardi, segnò l'inizio di un'epoca importante per le calzature a marchio Bally. Proseguendo in questa direzione, più tardi, negli anni ’80, Bally diventò uno dei primi marchi di lusso nell’esportazione dei propri prodotti nella Repubblica Popolare Cinese.

All’inizio del XX secolo, Bally era già considerata una delle prime aziende globali. Nel 1927 fu avviato il laboratorio Bally con l’obiettivo di garantire la continuità della ricerca e dello sviluppo in tutti i settori della lavorazione della pelle.

Con il passare del tempo si ampliò ulteriormente la gamma di prodotti del brand. L’offerta di calzature arrivò a spaziare dalle linee più tecniche – con la produzione di scarponi da sci per gli atleti olimpici svizzeri e degli scarponi da alpinismo che portarono Sir Edmund Hillary e Tenzing Norgay sulla vetta dell'Everest – a prodotti fashion contraddistinti dall’inconfondibile Bally stripe ispirata alla bandiera svizzera, riprodotta per la prima volta nel 1939. Nel 1976 Bally lanciò una linea di abbigliamento prêt-à-porter e di accessori.

Le borse Bally, caratterizzate da un design originale e dall'inclusione di dettagli simbolo del marchio, sono oggi accessori di lusso immediatamente riconoscibili grazie alla loro spiccata personalità.

Dal secolo scorso Bally iniziò a creare un forte legame emotivo con artisti, designer e architetti d’avanguardia, collaborando con alcune delle menti più creative.

Oggi Bally è un’azienda caratterizzata dalla profonda heritage e dalla forte spinta innovativa. È un brand urbano nella sua accezione più ampia: Bally è infatti ricercato sia da donne amanti della moda dallo spirito indipendente, che da businessmen e artisti hip-hop. L’anima del marchio si rifà a quel momento divertente in cui Carl Franz Bally decise di portare a sua moglie una dozzina di paia di scarpe, nella speranza che almeno uno le andasse bene. Un momento che combina lusso e ironia.

Nel maggio 2018 Bally ha siglato un accordo di licenza mondiale con Marcolin Group per il design, la produzione e la distribuzione di occhiali da sole e montature da vista disponibili sul mercato a partire dal 2019: una collezione che coniuga armoniosamente capacità artigianale e innovazione, funzionalità ed eleganza, attenzione al dettaglio e sperimentazione.

Collezione Eyewear 2020

La collezione eyewear di Bally reinterpreta modelli classici in chiave ricercata proponendo per la stagione nuovi occhiali da sole e da vista caratterizzati da un affascinante mix di tradizione e dettagli contemporanei.

Eleganza senza tempo e shape raffinate sono le protagoniste indiscusse della collezione, mentre versatilità e funzionalità sono accompagnate da una palette easy-to-wear. Le shape navigator e pilot vantano inediti richiami di ispirazione vintage dal look retrò, coniugando estetica sportiva a linee pulite.

Le collezioni Bally sono progettate dando enfasi ai piccoli dettagli che richiamano il suo prezioso heritage per un risultato raffinato e sofisticato.

L’iconico motivo Bally Grip è il leitmotiv della collezione, presentato come un discreto dettaglio che sigla i naselli oppure come una preziosa decorazione che illumina il frontale e le aste; un elemento distintivo chiaramente ispirato allo storico Sparta Grip, pattern introdotto per la prima volta sulla suola degli stivali da hiking di Bally alla fine degli anni ‘20.

Altro elemento di raffinata semplicità è la lettera "B" che impreziosisce le aste e viene interpretata da Bally in diverse declinazioni su borse, scarpe e accessori.

Una delle interpretazioni iconiche è la B “Turn-Lock” utilizzata come chiusura per le borse da donna. Più recente è invece la "B-Chain", nuova brand signature, che caratterizza le aste e aggiunge un tocco elegante e prezioso alla collezione

A completamento, il dettaglio a striscia rosso-bianco-rosso sulle aste, che prende ispirazione dall’iconica bandiera svizzera come omaggio alle origini del marchio e il concept “Timeless”, stili dalle forme senza tempo con strutture semplici, colori facili da indossare ed elementi iconici.

Collezione Eyewear 2020

sole

zoom / details
zoom / details
zoom / details
zoom / details
zoom / details

vista

zoom / details
zoom / details
zoom / details

Discover more

www.bally.com

Vuoi altre informazioni?

contattaci